Sono nato il 9 Dicembre del 1968 ad Alghero, in Sardegna. Ad Alghero la lingua parlata è il catalano e quindi per me è stato naturale da subito comunicare attraverso l’Italiano, il Sardo e il Catalano. Il plurilinguismo è stato una importante “palestra” per allenare le mie capacità di apprendimento, ed in seguito mi ha aiutato tantissimo a relazionarmi con gli altri ed a stabilire rapporti empatici con le persone che incontravo.

Fin da piccolo ho avuto la passione per la musica e l’arte in generale. Vedendo la facilità con la quale apprendevo già a quattro anni la musica i miei genitori compresero subito che potevo trasformare la mia passione in attività professionale e fecero tanti sacrifici per permettermi di studiare.

Nel 1993 mi son laureato in “Scienze Politiche ed Economiche” all’Università degli Studi di Sassari, e nel 1994 mi son diplomato in canto lirico al Conservatorio di Musica di Verona. Ho iniziato subito una carriera internazionale nei più importanti teatri del mondo e ho collaborato con artisti di grandissima fama come Claudio Abbado e Franco Zeffirelli. Nel 2000 mi son trasferito in Friuli Venezia Giulia e dal  2002, per puro caso, ho iniziato a progettare e gestire eventi musicali, spaziando dalla classica alla lirica, dal jazz alla musica popolare.

La mia vita è cambiata radicalmente quando ho conosciuto mia moglie Vania, ma soprattutto quando sono nate Sofia e Sara. Da quel momento è aumentata in maniera costante la consapevolezza di dovermi adoperare in prima persona per lasciare alle mie figlie un paese migliore, e ho voluto farlo nel campo culturale, che è il settore che conosco meglio.

Mi sono chiesto come mai l’Italia, che possiede il 70% del patrimonio culturale mondiale, non riesca a trasformare questa immensa risorsa in fonte di occupazione e in motore economico capace di produrre benessere sociale. Mi sono guardato intorno, e ho constatato che, così come in altri settori in cui il nostro Paese dovrebbe primeggiare, mancano competenza e merito da parte di chi è chiamato ad ideare, gestire ed attuare gli interventi.

Nel mio ambito ho realizzato che l’amministrazione delle aziende culturali è legata a modelli gestionali ormai sorpassati. Ed è stato a quel punto che ho deciso di dedicare tutti i miei sforzi al management degli eventi culturali, proponendo nuove metodologie di project management e di organizzazione aziendale quali strumenti efficaci per gestire aziende di cultura come teatri e musei. Ma non prima di essermi rimesso a studiare!

Nel 2012 ho conseguito il Diploma di Laurea II Livello in Discipline Musicali con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Rovigo, e nel 2013 la Laurea Magistrale in Economia e Gestione delle Arti e Beni Culturali all’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi di economia aziendale sul project management dell’opera lirica.

Nel 2014 sono passato alla cattedra come docente di “Diritto, organizzazione e legislazione dello spettacolo” e di “Project Management degli eventi culturali” nei Conservatori di musica di Udine e Venezia e I.S.S.M. Vittadini di Pavia. A seguito di un bando pubblico, sono stato inserito con Decreto Ministeriale nella ristretta rosa degli “Esperti di Gestione Amministrativa” del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Nel 2015 ho assunto l’incarico di Project Manager dell’Associazione Opera Festival Teatro Morlacchi di Perugia e ho iniziato a collaborare come docente di Marketing Culturale di Management dello Spettacolo al Ma.DAMM (Master in Direzione Artistica e Management Musicale) presso il Conservatorio di Lucca. Nello stesso anno sono nominato rappresentante ministeriale nel CDA del Conservatorio di Trieste con decreto del Ministro dell’Istruzione, e l’Associazione Nazionale Manager Culturali mi ha nominato Socio Onorario all’unanimità.

L’anno successivo ho ottenuto la Certificazione Internazionale EPMQ Project ManagerAccredia/AicqvSicev (unico in Italia nel campo della gestione delle attività culturali) e sono stato eletto vicepresidente di Assolirica (Associazione Nazionale Italiana degli Artisti Lirici). Ho, infine, assunto la carica di Direttore Responsabile per Gioacchino Onorati Editore della Collana Editoriale ProgettArte, dedicata alla progettazione e gestione delle attività turistiche e culturali.

In questi ultimi mesi, constatando la progressiva mancanza di attenzione delle politiche di governo verso il nostro patrimonio culturale evidenziato dalla diminuzione investimenti e tagli ai Teatri Musicali e di Prosa, Gestione problematica di musei e siti archeologici, insufficiente tutela e valorizzazione dei beni paesaggistici, sono fermamente deciso a mettere a disposizione le mie competenze per attuare un cambio di rotta.

Sento il dovere di restituire attraverso il mio impegno quanto mi è stato dato.

 Scarica il mio Curriculum Vitae